Le disposizioni dell’Agcom e la rinuncia dell’editore ai diritti di opzione

  di   0   0

Le case editrici del gruppo Mondadori-Rizzoli Libri stanno mandando ai loro autori le lettere di revisione dei contratti, come imposto dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm). I contratti di Bompiani, Marsilio e Sonzogno – che dovranno essere cedute comunque da Mondadori – rimangono invece invariati. Nelle lettere Mondadori-Rizzoli comunica la rinuncia per tre anni ai diritti di opzione, preferenza per il rinnovo e opere in raccolta sui contratti già firmati con gli autori, e non potrà inserire clausole di questo genere nei contratti futuri. È uno degli aspetti meno discussi ma forse più importanti contenuti nel provvedimento con cui il garante ha autorizzato l’acquisizione di RCS Libri da parte di Mondadori (qui il testo completo del provvedimento).

I diritti di opzione, preferenza per il rinnovo e opere in raccolta sono strumenti contrattuali utilizzati dalle case editrici per legarsi ai propri autori, senza dover sottoscrivere contratti per più di un libro. L’opzione è una specie di assicurazione: permette agli editori – dietro pagamento di una piccola cifra in aggiunta all’anticipo dato per un libro – di diminuire la propria quota di rischio riservandosi la decisione di continuare a pubblicare un autore solo dopo avere valutato i risultati di vendita del libro precedente. La rinuncia ai diritti di opzione non riguarda gli autori più venduti, che quasi sempre firmano contratti per più di un libro, ma avrà probabilmente effetti sui contratti futuri perché potrebbe spingere Mondadori-Rizzoli a fare contratti per più libri anche ad autori esordienti o non di primo piano, qualora intravedesse qualche potenzialità di vendita. La decisione del garante aumenta, cioè, il potere contrattuale degli autori e di conseguenza la quota di rischio e le spese dell’editore.

Il diritto di preferenza per il rinnovo assicura agli editori la possibilità di tenere un libro in catalogo dopo la scadenza dei diritti, che di solito durano dieci anni. Anche in questo caso la novità non riguarda gli autori con più mercato, che raramente concedono il diritto di preferenza, ma tutti gli altri: dopo dieci anni l’autore di un libro che ha venduto bene potrà decidere di ripubblicarlo con un nuovo editore o contrattare il rinnovo con Mondadori-Rizzoli, alzandone il prezzo. Qualcosa di simile riguarda i diritti sulle opere in raccolta con cui un editore compra la possibilità di pubblicare anche raccolte dei libri dei propri autori. Per i prossimi tre anni, chi ha pubblicato con Mondadori-Rizzoli sarà libero di pubblicare, per esempio, una trilogia dei suoi romanzi con qualsiasi altro editore.

La decisione del Garante provoca un’oggettiva apertura del mercato e avrà qualche impatto sulla situazione economica della casa editrice, ma la spingerà anche a impegnarsi in contratti più lunghi, con il possibile, paradossale, risultato di diventare più attraente per gli autori rispetto ad altri editori.

Fonte [ilpost.it]

mondadori1small1

 

 

einaudi1

 

 


Post Recenti

The Life After

150519125822-david-letterman-graphic-exlarge-169I knew it was going to be bad for me when David Letterman retired, but I didn’t know it was going to be this bad. The first week, I pretended that he was on vacation—he did go on a lot of vacations. Not that he didn’t deserve them. He worked so much and for so […]

Leggi l'articolo →

Un articolo di Christian Raimo di qualche tempo fa che vale la pena rileggere

logofestivalPerché c’è bisogno di un populismo di sinistra Due mesi fa, quest’estate, ho assistito a Londra a una giornata della campagna elettorale di Jeremy Corbyn alla Union Chapel. Tra le molte cose (belle) che mi hanno sorpreso ne ho appuntate mentalmente un paio. La prima è che l’intervento finale di Jeremy Corbyn durava da programma venti […]

Leggi l'articolo →

Non bastano la buona volontà di chi ci lavora da vent’anni e un editore virtuoso: “Lo straniero” chiude

LOGODopo venti anni di attività la rivista “Lo straniero” cesserà le pubblicazioni con il numero doppio di fine anno. Di seguito la lettera del direttore Goffredo Fofi in cui spiega le motivazioni della sua decisione. “Lo straniero” ha vent’anni, e vent’anni per una rivista sono tanti. Nel Polonio dei letterati, un saggio dei primi anni quaranta […]

Leggi l'articolo →

Arrestato il capo della Siae russa

600aa679d234d03a49f3e5b340c94c88__1440xIl capo della RAO, la società di collecting russa omologa alla SIAE, è stato arrestato per sospetta frode. Sergei Fedotov è accusato di avere utilizzato parte delle royalties raccolte dalla RAO per acquistare proprietà poi trasferite a terzi. Per quanto la RAO sostenesse che l’indagine alla quale era da tempo sottoposta non avesse rilevato irregolarità nelle […]

Leggi l'articolo →

“Elena Ferrante sono io”. Nicola Lagioia intervista la scrittrice misteriosa

215415694-b17f3186-6e39-4658-958c-d26779915af1http://www.repubblica.it/cultura/2016/04/04/news/_elena_ferrante_sono_io_nicola_lagioia_intervista_la_scrittrice_misteriosa-136855191/?ref=fbpr  

Leggi l'articolo →

thoughts on this post

Torna all'inizio